giovedì 24 novembre 2016

Al via i lavori al Santuario del SS. Crocifisso

Il Santuario del SS. Crocifisso, uno dei luoghi sacri più cari ai treiesi e non solo, autentico punto di riferimento della spiritualità francescana, è una delle “vittime” più illustri degli eventi sismici iniziati la scorsa estate.
Fin dalle prime scosse del 24 agosto l’intera struttura ha subìto danni tanto gravi da renderlo inagibile: parziale distacco della facciata, gravi lesioni alla cupola (la grande fessurazione ad X, visibile sia all’interno che dall’esterno, è uno dei segni più tangibili della gravità delle lesioni), danneggiamento del campanile, crollo degli intonaci…
Le scosse del 30 ottobre hanno poi aggravato ulteriormente la situazione.
Un elenco interminabile di ferite, che suscitano una tristezza infinita nell’animo dei tanti amici del Santuario.
Dopo i primissimi interventi di messa in sicurezza, sono già iniziati alcuni lavori; il primo ad essere coinvolto è il campanile del Santuario con un intervento di ingabbiamento con orditura metallica del cono di copertura del campanile, per evitare il pericolo di crollo della cuspide e della croce sovrastante.
Le parole di padre Luciano Genga testimoniano tutta la drammaticità della situazione e quanto sia preziosa la collaborazione di tutti per far tornare a rivivere il Santuario.
Desidero ringraziare, prima di ogni altra cosa, il Sindaco e l’Amministrazione comunale di Treia per l’immediato interessamento per la messa in sicurezza ed il recupero della struttura e per la fornitura della tensostruttura, oggi posizionata nell’orto del Santuario, in cui vengono officiate le funzioni religiose. Un ringraziamento va anche a tutti coloro che hanno dato una mano dal punto di vista logistico, in questi circa tre mesi, per mantenere l’ordinaria vita del Santuario. Non posso, poi, dimenticare tutti coloro che, con il loro prezioso sostegno economico, stanno contribuendo alle spese immediate (e sono tante !) per garantire lo svolgimento delle funzioni religiose.
Anche i locali del Convento, dopo le ultime forti scosse di ottobre, sono divenuti parzialmente inagibili, aggiungendosi ulteriori criticità ai già gravi disagi iniziali.
Tuttavia noi Frati abbiamo deciso di  mantenere, con forza e fermezza, la nostra presenza nel Santuario, auspicando in breve una collocazione più sicura e adeguata”.
Dal canto suo, il Sindaco Franco Capponi ricorda quanto stia a cuore di tutti i treiesi la vita del Santuario, che da secoli è un punto di riferimento solido per la spiritualità e per le tante attività organizzate a favore dei giovani e dell’intera comunità treiese e marchigiana in genere.
L’impegno dell’Amministrazione è quello di far sì che questa struttura, come tante altre che hanno subito danni ingentissimi, mantenga la propria vitalità e riesca a trovare la forza di superare ostacoli e difficoltà.
Ripercorriamo, a beneficio di chi non la conosce, la storia affascinante del Santuario, storia che affonda le radici in un passato molto lontano.
Non deve ingannare l’aspetto neorinascimentale della struttura attuale; il luogo è, infatti, ricchissimo di memorie e in qualche modo ha il fascino magico delle cose remote.
La struttura, su cui svetta la cupola alta 42 metri, consta di due parti, separate dal campanile: sulla sinistra sorge la chiesaeretta, su disegno di Cesare Bazzani, nella prima metà del XX secolo, dopo l’incendio del 1902 che distrusse l’edificio precedente; la facciata in cotto fu realizzata dalla fornace Bartoloni di Treia. Sulla destra il convento francescano (secc. XVI-XVII) ed il chiostro. L’interno della chiesa, a tre navate, custodisce sopra l’altare maggiore il famoso Crocifisso in legno policromo di proporzioni perfette; tratto in salvo da un frate durante l’incendio del 1902, l’opera risale al XV secolo. Oggi il Crocifisso, autentico simbolo del Santuario, definito dalla stampa “Terremotato fra i terremotati”, è stato spostato in una cappellina, all’interno del chiostro.
Da antichi documenti emerge l’esistenza di un primo tempio cristiano (Pieve) risalente al III-IV sec. Il titolo della chiesa e il fonte battesimale furono trasferiti agli inizi del XV sec. nella nuova Pieve, sorta all’interno di Montecchio, oggi Treia. Da allora l’antica Pieve acquistò nuova devozione come Santuario dedicato al SS. Crocifisso. Dopo un disastroso incendio nel 1902, i lavori di ricostruzione, su progetto di Cesare Bazzani, si conclusero nel 1925. La struttura, su cui svetta la cupola alta 42 metri, è articolata su tre navate. L’interno della chiesa è tutto un susseguirsi di pilastri, capitelli e basamenti ornati. Sulla navata destra, subito dopo l’ingresso, era collocata la statua lignea dorata raffigurante San Patrizio, patrono della città, drammaticamente scaraventata a terra dal sisma.
I Francescani vennero a Treia nel 1671, come custodi del Santuario, richiesti con molta insistenza da tutta la comunità cittadina: ancora oggi sono il cuore pulsante del luogo.
Gli scavi archeologici praticati nel XVIII secolo per interessamento di Fortunato Benigni e, negli anni 1985-1988, dall’Istituto di Archeologia dell’Università di Macerata, hanno confermato la plurisecolare tradizione secondo cui il Santuario sorge, verosimilmente, sull’area dell’antica «Trea». Nelle pareti del campanile e in altri punti sono “incastonati” reperti provenienti dagli scavi circostanti. Tra questi, anche statuette acefale romane (ora al Museo archeologico), copia di originali egizi, che fanno pensare all’esistenza in loco di un tempio dedicato al culto di Iside. Su di esso sarebbe sorto il primo tempio cristiano, quando fu impiantata la pieve destinata a rimanere la principale del territorio fino alla fine del XIV secolo.






lunedì 26 settembre 2016

FIRMA ANCHE TU PER VILLA LA QUIETE!

8° CENSIMENTO DEI LUOGHI ITALIANI DA NON DIMENTICARE
Dal 17 maggio al 30 novembre 2016 è possibile inviare segnalazioni al FAI per la tutela di Villa Spada, la villa neoclassica cara non solo ai cittadini treiesi, ma anche a tutti i cultori dell’arte, della storia, dell’architettura e della botanica, nonché agli affezionati al proprio territorio e a tutto ciò che esso racchiude e disvela a piccoli passi.
Per partecipare al censimento bisogna segnalare il luogo che ci sta a cuore tramite una delle seguenti modalità:
1. Accesso al sito www.iluoghidelcuore.it: cliccando sul link “AREA PERSONALE”, alla voce “Registrati” è possibile inserire i propri dati e avere diritto al voto
2. Accesso all’App “FAI-Fondo Ambiente Italiano”
3. Compilazione di appositi moduli di raccolta firme, scaricabili dal sito webwww.iluoghidelcuore.it una volta registrati. I moduli sono disponibili anche presso il Comune di Treia e la Pro Loco
4. Compilazione di cartoline reperibili presso le filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo
Ciascuno può segnalare più di un luogo del cuore, ma per ogni luogo deve esprimere un solo voto.
Sul sito sopraindicato sono reperibili il regolamento e tutte le informazioni relative al censimento.
Approfitta di questa occasione imperdibile! Anche tu puoi contribuire alla tutela e alla valorizzazione di quel grande tesoro che è Villa La Quiete !!!

mercoledì 31 agosto 2016

Bracciale, cambia il programma delle finali a Treia

Cambia il programma del campionato italiano di bracciale. Il terremoto ha colpito anche Treia, sede della finale, con alcuni crolli, ma fortunatamente senza vittime. Inoltre molti atleti e dirigenti delle società marchigiane e toscane stanno lavorando nei centri distrutti dal sisma. C’era la concreta possibilità di annullare la manifestazione, ma il presidente dell’Associazione nazionale del gioco del pallone del bracciale, Valter Romagnoli, insieme con il Comune di Treia, ha deciso di posticipare le date, cambiando anche la formula, ma mantenendo sempre a Treia le finali. Non più i gironi di qualificazione, ma una due giorni unica, prevista il 15 e 16 ottobre, seguendo la formula del 2015.
Ecco il nuovo programma.
Girone A
Carlo Didimi Treia
Torrione Portacomaro
Comitato Contrade Chiusi
Girone B
Oreste Macrelli Faenza
Acli Macerata
Compagnia Pallone Grosso Monte San Savino
Calendario
15 ottobre ore 14: Carlo Didimi Treia-Comitato Contrade Chiusi
15 ottobre ore 15: Oreste Macrelli Faenza-Acli Macerata
15 ottobre ore 16: Torrione Portacomaro-Perdente Carlo Didimi Treia-Comitato Contrade Chiusi
15 ottobre ore 17: Compagnia Pallone Grosso Monte San Savino-Perdente Oreste Macrelli Faenza-Acli Macerata
16 ottobre ore 10: Torrione Portacomaro-Vincente Carlo Didimi Treia-Comitato Contrade Chiusi
16 ottobre ore 11: Compagnia Pallone Grosso Monte San Savino-Vincente Oreste Macrelli Faenza-Acli Macerata
16 ottobre ore 15: Semifinale 1ª classificata Girone A-2ª classificata Girone B
16 ottobre ore 16: Semifinale 1ª classificata Girone B-2ª classificata Girone A
16 ottobre ore 17: Finale

Summer School 2016

Torna la Summer School dei Consulenti del Lavoro. L’appuntamento con la 4^ edizione è dall’ 1 al 3 settembre 2016 a Treia (Mc). Lo splendido borgo marchigiano si conferma, infatti, la sede periferica della Scuola di Alta Formazione dei Consulenti del Lavoro.
Anche quest’anno la Summer School spazierà fra temi e materie di grande utilità ed interesse per lo svolgimento della professione. L’obiettivo sarà sempre quello di offrire alla Categoria  numerosi stimoli e proposte per diventare Consulenti del Lavoro strategici del cambiamento e vincere le sfide di un mercato del lavoro in continua evoluzione. Un evento ricco di ospiti e di testimonianze rilevanti che serviranno ad arricchire il proprio bagaglio di conoscenze ed esperienze professionali.
Al centro dei dibattiti i nuovi scenari socioeconomici e le esigenze delle imprese e dei loro datori di lavoro. Si parlerà anche delle opportunità offerte dai finanziamenti europei, della gestione della reputazione aziendale e della sicurezza sul lavoro delle aziende assistite. Ma si discuterà anche del futuro della professione e di come rendere il proprio studio un ambiente multidisciplinare e adeguatamente informatizzato.
Ancora una volta la tre giorni si svilupperà attraverso incontri tematici e laboratori del sapere in un luogo ideale ad unire relax e conoscenza per soddisfare partecipanti ed accompagnatori e godere di una proposta formativa di alta qualità, costruita su misura per la crescita e lo sviluppo della professionalità dei Consulenti del Lavoro.

EMERGENZA TERREMOTO: “AIUTATECI AD AIUTARLI”

IL COMUNE DI TREIA PROMUOVE UNA RACCOLTA FONDI
L’Amministrazione comunale di Treia promuove una raccolta fondi destinata a fronteggiare l’emergenza terremoto (delibera n. 151 del 26.8.2016).
Per partecipare è possibile effettuare un bonifico bancario sul conto cod. IBAN: IT 09 P 08549 69210 000040179875 intestato al Comune di Treia – Causale “Pro Terremoto”.
I fondi raccolti saranno destinati:
- alle necessità rilevate nel comune di Treia: in particolare a sostegno delle attività della Protezione civile, alle esigenze delle famiglie treiesi e alla tutela del patrimonio pubblico e religioso, anche per consentire il più rapido ripristino della agibilità delle chiese da restituire alla fruibilità dei treiesi;
- per contribuire all’emergenza delle zone più duramente colpite.
Un caloroso ringraziamento a tutti coloro che vorranno, con la propria donazione, testimoniare la loro solidarietà.

sabato 30 aprile 2016

Grande partecipazione a “Criminologicamente”

Ben 72 iscritti alla prima delle quattro serate dedicate alla trattazione di argomenti di psicologia e criminologia dal titolo “CRIMINOLOGICAMENTE”, che si è tenuta mercoledì 20 aprile 2016, alle ore 21:00, presso la sala multimediale ex Ipsia in via Cavour n. 29 a Treia.
Tale iniziativa è stata promossa dal Comune di Treia, in collaborazione con l’associazione Psychetius e la Cooperativa “Di Bolina”, ed ha ottenuto il patrocinio dell’Università di Camerino, dell’Ordine degli Psicologici delle Marche, dell’Ordine degli Avvocati di Macerata, dell’Ordine degli Assistenti Sociali delle Marche e dell’Ordine dei Giornalisti delle Marche, con il riconoscimento di crediti formativi per le professioni di Avvocato e Assistente Sociale.
Nella prima serata, intitolata “VIOLENZA DOMESTICA E VIOLENZA DI GENERE: I PANNI SPORCHI SI LAVANO IN CASA? – Uno sguardo psicosociale”, dopo il saluto di benvenuto dell’Assessore con delega ai Servizi Sociali e alle Pari Opportunità, Alessia Savi, il Dott. Marco Pascarella, presidente dell’Associazione Psychetius, ha presentato il percorso formativo. A seguire gli interventi molto interessanti del Dott. Tommaso Principi e della Dott.ssa Nicoletta Cella sul tema della violenza di genere dal punto di vista psicosociale mentre l’Avv. Paolo Carnevali ha trattato la tutela giurisdizionale della vittima.
Obiettivo primario di questo incontro: sensibilizzare ed informare la collettività riguardo questo tema che troppo spesso fa parte della cronaca nera della nostra Nazione e rispetto al quale ancora c’è molto da lavorare.
Incontri come questi, per cui l’Amministrazione comunale di Treia ha avviato, già dall’inizio del suo mandato, un discorso molto articolato con varie iniziative rivolte alla cittadinanza e alle istituzioni educative, mirano a contribuire ad un cambiamento culturale di lotta alla violenza di genere che può passare solo attraverso l’informazione, la prevenzione e la lotta ai pregiudizi e agli stereotipi di genere.
“Criminologicamente” è un percorso formativo e informativo gratuito, aperto a operatori del settore e a tutta la cittadinanza, che tratta diverse tematiche di estrema importanza e attualità nonché di notevole interesse sociale. L’intento è quello di sensibilizzare la cittadinanza e, in particolare, i giovani, favorendo una più ampia conoscenza e, quindi, un’opportuna prevenzione rispetto anche ad altre tematiche oltre alla violenza di genere, quali: bullismo, maltrattamento e abuso all’infanzia, tossicodipendenze e nuove droghe, mobbing.
Il percorso formativo proseguirà con altri tre incontri:
  • 4 maggio 2016  Dott. Stefano Verona
RITORNARE LIBERO – Molto più di semplici droghe: tossicodipendenza, alcoldipendenza e new addiction
  • 18 maggio 2016  Dott. Marco Pascarella e Dott. Vincenzo Abbruzzese
GOCCE D’ODIO – Maltrattamento e abuso all’infanzia, bullismo e cyberbullismo
  • 1 giugno 2016  Dott. Giuseppe Adamo
IL LATO OSCURO DEL LAVORO – Aggressività e mobbing



domenica 17 aprile 2016

TREIA - MAGNALONGA 1° MAGGIO


Ormai giunti alla quinta edizione, un appuntamento da non perdere!!!!!
MAGNALONGA CITTA' DI TREIA...passeggiata enogastronomica non competitiva con un nuovo percorso, 7 tappe ristoro con prodotti tipici locali, premio per gruppo più numeroso.
Ritrovo alle ore 10.00 presso Chiesanuova di #Treia - P.zza Don Antonio De Mattia (antistante Chiesa Parrocchiale). Da lì inizierà il percorso ricco di sorprese, animazioni e spettacoli per poi concludersi con un concerto che vi accoglierà all'arrivo.
Quest'anno, il nostro sostegno andrà all'AIRC - Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.
Nei punti di ristoro saranno presenti alcuni volontari dell'Associazione Italiana Celiachia per garantire ai partecipanti celiaci un pasto "gluten free".
Le iscrizioni si chiuderanno il 26 aprile o al raggiungimento dei 1500 iscritti.
Contattare la pro loco Treia per ogni informazione: Associazione Pro Treia, piazza della Repubblica, 3 , Treia, telefono 0733/217357, orari di apertura da lunedi a domenica dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle 15.30 alle 19.30.
Vi aspettiamo numerosi....come ogni anno!!!!!!